Nascosto sui monti Sicani, che prendono il nome dall’antico popolo che per primo abitò in Sicilia, si trova qualcosa di molto particolare ed affascinante. Si tratta del Teatro Andromeda, ricadente nel comune agrigentino di Santo Stefano Quisquina, realizzato dal pastore artista Lorenzo Reina. Qui, a mille metri d’altezza in mezzo al nulla, la vista dal teatro è sublime, si può ammirare il mare, i monti e si scorge persino l’isola di Pantelleria. Ma cosa è esattamente questo teatro e chi l’ha realizzato?

Teatro Andromeda, Sicilia
Dall’alto – Fonte: Pagina ufficiale Facebook
Teatro Andromeda, Sicilia
Ingresso – Fonte: Pagina ufficiale Facebook
Teatro Andromeda, Sicilia
Tramonto – Fonte: Pagina ufficiale Facebook
Teatro Andromeda, Sicilia
Panorama – Fonte: Pagina ufficiale Facebook
Teatro Andromeda, Sicilia
Fonte: Pagina ufficiale Facebook
Teatro Andromeda, Sicilia
Teatro Andromeda, Sicilia
Teatro Andromeda, Sicilia
Teatro Andromeda, Sicilia
Teatro Andromeda, Sicilia
Davide Mauro, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Lorenzo Reina è figlio di pastori ed ha sempre portato avanti l’azienda di famiglia. Ma dentro di lui è sempre scorsa una vena artistica difficile da fermare. Di giorno quindi portava a pascolare le pecore e di notte nella stalla scolpiva alabastri.

Si rese conto che nel luogo dove ora sorge il teatro, le pecore rimanevano a brulicare ferme come pietre ed intuì che qui ci fossero delle energie particolari. Da qui l’idea di creare la sua opera d’arte che dopo un lavoro durato 30 anni, tutti oggi possono ammirare.

L’opera costituita da una palco circolare e 108 cubi di pietra, riproduce la costellazione di Andromeda. Per entravi bisogna passare per un porta che ti farà entrare come in un’altra dimensione. Ti ritroverai infatti nel cuore del teatro, chiuso e circondato da una cinta in pietra, che termina su due colonne che formano una sorta di porta panoramica. E’ consigliato venire qui verso il pomeriggio per poter ammirare il tramonto, che rende questo luogo ancora più mistico. Dopo aver pagato il biglietto, si incontra una sala che racconta la storia del luogo, per poi proseguire per una stradina ricca di opere dell’artista che ti guida verso il teatro.

Orari: Dalle 10:00 alle 13:00  e dalle 15:00 alle 21:00. Costo biglietto: 10 Euro. BIsogna prenotare prima nella seguente pagina Facebook.

Consiglio Top Secret – L’Eremo di Santa Rosalia

Eremo di Santa Rosalia - Santo Stefano Quisquina
Figiu, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons
Eremo di Santa Rosalia - Santo Stefano Quisquina
Berthold Werner, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons
Eremo di Santa Rosalia - Santo Stefano Quisquina
sicilia-nostra.it, CC BY 3.0, via Wikimedia Commons
Eremo di Santa Rosalia - Santo Stefano Quisquina
Eremo in mezzo al bosco – Giovanni glq, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons
Eremo di Santa Rosalia - Santo Stefano Quisquina
Berthold Werner, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons
Eremo di Santa Rosalia - Santo Stefano Quisquina
Figiu, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons
Grotta di Santa Rosalia - Santo Stefano Quisquina
Grotta di Santa Rosalia
Grotta di Santa Rosalia - Santo Stefano Quisquina
Grotta di Santa Rosalia – Berthold Werner, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons
Eremo di Santa Rosalia - Santo Stefano Quisquina
Figiu, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Poco distante dal teatro Andromeda si trova il Seicentesco Eremo di Santa Rosalia e una grotta affascinante e ricca di storia. Proprio in questa grotta infatti decise di vivere e pregare Rosalia appena bambina, per scappare dalla famiglia che la voleva sposa. Visse qui per 12 anni, tra il 1150 e il 1162 e pensa che ancora oggi in una parete rocciosa è possibile leggere una sua incisione “EGO ROSALIA SINIBALDI QUISQUINE ET ROSARUM DOMINI FILIA AMORE D/NI MEI JESU CRISTI IN HOC ANTRO HABITARI DECREVI” nel quale spiega di vivere lì per l’amore in Gesù Cristo. Successivamente si rifugiò in una grotta a Monte Pellegrino a Palermo ed è oggi la santa protettrice della città. L’eremo venne invece costruito nel 1624 per volontà di un mercante genovese, che decise di onorare la Santa.

Panorama lungo la strada verso il Santuario, Fonte: Google Maps

L’eremo si trova in un luogo molto bello, tra colli e boschi. A tal proposito per arrivarci segui la stradina nei pressi del Teatro Andromeda, non prendere la strada provinciale. In questo modo potrai ammirare bei paesaggi e a tratti anche molto verdi, non sembra nemmeno di essere in Sicilia. La macchina potrai parcheggiarla in un grande spiazzo, vicino alla statua di Santa Rosalia e poi potrai proseguire a piedi per un bel sentiero in mezzo alla fitta vegetazione. Se desideri fare una passeggiata nel bosco, nei pressi del parcheggio trovi delle indicazioni per i sentieri.

Orari visite Eremo: Lun – Ven 16:00 – 19:00; Sab – Dom: 10:00 – 13:00 – 16:00 – 19:00. Gli orari cambiano in base al mese, controllare gli orari aggiornati qui.

Dove mangiare a Santo Stefano Quisquina

Nelle vicinanze si trova un bellissimo ristorante in mezzo alla natura e se lo vorrai, potrai andare anche a cavallo, visto che sono dotati anche di una stalla. Il Buonanotte Resort offre cibo tradizionale, come la fantastica trippa e fagioli.

Buonanotte Resort - Santo Stefano Quisquina
Trippa e fagioli
Buonanotte Resort - Santo Stefano Quisquina
Buonanotte Resort - Santo Stefano Quisquina
Buonanotte Resort - Santo Stefano Quisquina
Buonanotte Resort - Santo Stefano Quisquina
Buonanotte Resort - Santo Stefano Quisquina
Buonanotte Resort - Santo Stefano Quisquina
Buonanotte Resort - Santo Stefano Quisquina
Buonanotte Resort - Santo Stefano Quisquina

Mappa interattiva – Punti d’interesse in viola

Per localizzarti una volta in zona, clicca sul simbolo ingrandisci in alto a destra della mappa.

Piatti tipici della zona

Qui trovi i prodotti tipici della provincia di Agrigento, qui invece i piatti tipici siciliani.

Cosa vedere nei dintorni del Teatro Andromeda

Qui trovi elencati i luoghi da visitare ad Agrigento e dintorni.

Prenotazione volo, hotel e auto

Qui trovi le migliori offerte di voli, hotel e auto (Il sito cerca e mostra tutte le offerte disponibili online). Vale sempre la regola, prima si prenota più si risparmia.

Condividi