Messina ha sicuramente un passato glorioso ma allo stesso tempo nefasto. Venne fondata dai siculi prima del VIII secolo a.C. che la chiamarono Zancle. Successivamente venne conquistata dai greci, che le cambiarono il nome in Messina. Come del resto tutta la Sicilia negli anni a seguire venne conquistata da diversi popoli, tra cui i romani che la trasformarono in una importante città portuale del proprio impero.

Agli inizi del ‘900 però un potente terremoto seguito da un maremoto distrussero la città e in seguito, ci pensarono le bombe durante la seconda guerra mondiale a darle il colpo di grazia. Questi avvenimenti hanno sicuramento segnato profondamente Messina ed oggi la città antica è andata perduta, ma non del tutto. Scopriamo quindi adesso cosa vedere a Messina.

1. Il Duomo di Messina

Duomo di Messina
Superchilum, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Il duomo fu costruito dai normanni e venne però prima danneggiato dal terremoto del 1783 e poi dal maremoto agli inizi del ‘900 e successivamente dai bombardamenti durante la seconda guerra mondiale. Nonostante tutto però i messinesi che non si sono mai persi d’animo e lo hanno sempre restaurato. Grazie a loro quindi, oggi possiamo ancora ammirarlo in tutto il suo splendore.

2. Orologio Astronomico di Messina

Orologio astronomico di Messina
I, Sailko, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

L’orologio astronomico è uno dei più grandi e complessi al mondo, si trova nel campanile del Duomo ed è sicuramente la principale attrazione della città. Fu progettato dalla ditta Ungerer di Strasburgo e venne inaugurato nel 1933.

Ogni giorno puntualmente alle 12:00 l’orologio si attiva. Un complesso sistema meccanico consente il movimento delle statue, che rappresentano le tradizioni civili e religiose della città. Puoi visitare il campanile anche all’interno e vedere cosi i complessi congegni meccanici dell’orologio ed ammirare tutta la città di Messina dall’alto.

3. Fontana di Orione e Nettuno

Fontana di Orione, Messina
Fontana di Orione – Fonte: Von Hajotthu, CC BY-SA 3.0

La Fontana di Orione fu realizzata da un allievo di Michelangelo nel ‘500, per celebrare la realizzazione dell’acquedetto a Messina. Si trova al centro della piazza del Duomo ed è stata descritta dallo storico d’arte Bernard Berenson come la più bella fontana del Cinquecento europeo.

Fontana di Nettuno, Messina
Hajotthu, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Anche la fontana di Nettuno risale al ‘500 e a differenza della fontana di Orione non subì alcun danno, nonostante il terremoto. In alto sie erge maestoso Nettuno e ai suoi piedi spiccano Scilla e Cariddi tra quattro cavalli marini che simboleggiano l’oceano.

4. Chiesa Santissima Annunziata dei Catalani

Chiesa Santissima Annunziata dei Catalani, Messina
Di I, Sailko, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Si tratta di una piccola chiesa dallo stile arabeggiante, costruita dai normanni nel XII secolo, sopra i ruderi di un antico tempio greco dedicato a Poseidone. La chiesa si trova ad un livello inferiore rispetto la strada, questo perché la città moderna si trova sopra le macerie prodotte dal terremoto.

5. Museo regionale

Museo regionale, Messina

Per visitare il museo impiegherai circa mezza giornata, vista la vastità delle opere esposte. Si tratta di dipinti e sculture di diversi periodi artistici, partendo dal Medioevo fino all’Ottocento. La qualità è davvero molto alta, pensa che vi sono esposte anche opere di Antonello, Caravaggio e di collaboratori di importanti artisti del calibro di Raffaello ad esempio. Vi è anche una piccola area archeologica con reperti d’epoca greca e romana. Orari: mar-sab 09:30-18:30, dom: 09:30 – 13:00. Biglietto: 10 Euro. Orari e tariffe potrebbero cambiare.

6. Consiglio Top Secret: Punto panoramico e uccelli migratori

Monte Dinnamare, Messina
Nasoallinsu, Public domain, via Wikimedia Commons

Tra le cose da vedere a Messina rientra sicuramente il Monte Dinnamare, anche se non è molto conosciuto. Giungendo in cima a circa 1127 metri d’altezza, nei pressi del Santuario della Madonna di Dinnamare, avrai una splendida vista sul Tirreno, Ionio, Stretto di Messina e sulle isole Eolie.

Inoltre da qui potrai ammirare ogni primavera, uno spettacolo unico nel suo genere, il passaggio di uccelli migratori, specialmente rapaci. Ogni anno infatti, partendo dall’Africa subsahariana, affrontano un viaggio di oltre cinquemila chilometri per andare a nidificare nel nord dell’Europa. In primavera passano da qui più di 70.000 uccelli le prime settimane di maggio sono il periodo migliore per osservarli, con passaggi di 1.000 – 5.000 rapaci al giorno.

Mappa interattiva di Messina – Punti d’interesse in viola

Per localizzarti una volta in zona, clicca sul simbolo ingrandisci in alto a destra della mappa.

Cosa mangiare a Messina

Qui trovi dei consigli su cosa mangiare a Messina e dintorni, qui invece trovi i piatti tipici siciliani.

Escursioni e gite a Messina

Se desideri affidarti a una guida esperta per visitare Messina, qui trovi una lista con possibili escursioni a Messina e dintorni, a partire da 25 Euro a persona.

Prenotazione volo, hotel e auto

Se vuoi cercare delle offerte di voli, hotel o auto a noleggio, puoi usare Skyscanner.it, sicuramente uno dei migliori siti del settore. Non dimenticare, prima prenoti più risparmi! I prezzi infatti tendono sempre ad aumentare con il passare dei giorni.

Condividi